Start-up aziendali

Contesto ed obiettivi

Da ormai più di un decennio a questa parte, “Start-up” è un termine che ricorre molto spesso in ambito economico e aziendale ed è fin quasi inflazionato, ma cosa significhi e cosa comporti è talvolta poco chiaro. Da definizione, «è un’organizzazione temporanea alla ricerca di un modello di business scalabile e ripetibile» (Steve Blank), più banalmente possiamo definirla un’attività che si trova nelle sue prime fasi d’avvio e che è alla ricerca di un investitore. L’approccio più comune per la gestione di questo tipo di business altamente innovativo è quello “Lean”, una metodologia che promuove l’innovazione e mira a ridurre le spese in termini economici e temporali con l’obiettivo di aumentare le possibilità di successo dell’attività.

Temi

Start-up: origini e sviluppo – Definizioni e aspetti principali – Lessico di base – L’innovazione e il suo ruolo sociale – L’idea imprenditoriale che conta (e quella che non conta) – Strumenti valutativi: preventivo finanziario, preventivo delle vendite, preventivo economico – Redditività del capitale investito – Redditività dell’impresa e suoi indicatori (ROI e ROE) – Capire il momento giusto per il lancio – Accelerare e incubare: quando e perché – Lean Startup: cenni di letteratura – Lean manufacturing – MVP (Minimum viable product) – Continuous deployment – Split testing – Actionable metrics – Pivot – Il percorso del registro imprese.

Destinatari
Manager

Modalità
• Aula
• Formazione concreta

Durata
Il modulo ha una durata di 8 ore.