Diversity: technological gap

Contesto ed obiettivi

Con “technological gap” (o “Digital divide”) si intende la differenza tra coloro che usano computer, tablet e smartphone quotidianamente in ambito lavorativo e coloro che non lo fanno. L’analfabetismo informatico e telematico grava pesantemente sullo sviluppo dell’azienda, ma anche -e specialmente- sulla crescita professionale del lavoratore. Avere dimestichezza con i mezzi informatici e telematici consente maggiore efficienza nella produzione, nella erogazione dei servizi e nella qualità di vita professionale e personale. Il corso mira a sensibilizzare le tematiche relative alla Digital divide in un’ottica di di accessibilità, usabilità e inclusione sociale.

Temi

Società dell’informazione: cenni storici – Innovazioni delle infrastrutture tecnologiche (Cloud computing) – Modelli di convivenza sociale (Social computing) – Digital divide: cosa significa – Caso concreto: la Digital divide in Italia – Terminologia: accessibilità e usabilità – Questioni operative: rischi e vantaggi dell’azienda tecnologica – Strategie e piani d’azione per l’azienda – L’alfabetizzazione mediatica nell’ambiente digitale – Polish your social media – L’accesso alle TIC nelle zone rurali – Iniziative di coinvolgimento e inclusione – Cultura informatica e conflitto con altre culture – Colmare i gap generazionali – Invecchiare nell’era digitale

Destinatari
Tutti i dipendenti

Modalità
• Aula

Durata
Il modulo ha una durata di 4 o 16 ore a seconda del programma concordato.